• 0429 79048
  • Via Roma 5, Pozzonovo PD
  • Lun-Ven: 9.00 - 12.30 : 15.45 - 19.30 | Sab: 9.00 - 12.30

Via Roma 5, Pozzonovo (PD)

  • 0429 79048
  • Via Roma 5, Pozzonovo PD

    Con l’inizio della bella stagione si sente il desiderio di rimettersi in forma, soprattutto in questo periodo di sedentarietà forzata in cui è aumentato il rischio di incorrere in un’alimentazione poco corretta o salutare. Ecco quindi che si fa ricorso ai numerosi integratori presenti in commercio che aiutino a ridurre il peso. Vi vorrei presentare, in questo articolo, un’alga spesso presente nei prodotti dimagranti, la cui assunzione può essere talvolta sconsigliata: il fucus vesiculosus

    IL Fucus che comunemente viene usato in fitoterapia, in particolare negli integratori alimentari, è il fucus vesiculosus, noto anche con il nome di Alga bruna. Il nome deriva dalla sua forma a lingue di fuoco, percorse da vescicole lungo la struttura.

    L’Alga bruna vive sulle scogliere delle zone medio-temperate ed artiche (coste del Mare del Nord, del Mar Baltico, dell’Atlantico e del Pacifico); in caso di bassa marea, può apparire una distesa di colore giallo-bruno. Essa non sopravvive più di 5 o 6 ore fuori dell’acqua, ecco perché cresce solo sugli scogli sommersi. La parte della pianta utilizzata per estrarre il principio attivo è il tallo, la cui particolarità rende facilmente riconoscibile l’alga: infatti, esso può essere lungo fino a 2 metri, molle e appiattito e cosparso di vescicole globulose piene di aria, che fanno galleggiare l’Alga mantenendola in posizione verticale.

    Il Fucus vesiculosus è ricco di iodio (in forma minerale ed organica), mucopolisaccaridi, polifenoli, steroli, il tetraterpene fucoxantina, lipidi polari, sali minerali ed oligoelementi. Gli oligoelementi possono variare anche sostanzialmente al variare dell’ecosistema marino dove l’alga è vissuta; in genere gli ioni più rappresentativi sono sodio, magnesio, potassio, calcio e, solo in tracce, zinco, piombo, nichel, manganese, mercurio, rame, cobalto (1). Il fucus è fonte anche di beta carotene, mucillagini e mannitolo.

    Utilizzo principale del Fucus vesciculosus: un aiuto in caso di sovrappeso

    Il Fucus viene comunemente utilizzato negli integratori come coadiuvante di diete ipocaloriche nei casi di obesità e sovrappeso: il suo costituente principale è infatti lo iodio, minerale ed organico, che agisce stimolando il metabolismo basale (2). Il metabolismo basale è legato alla funzione tiroidea: gli ormoni tiroidei, tiroxina (T4) e triiodotironina (T3), sintetizzati dalla tiroide, velocizzano il metabolismo basale cioè aumentano il dispendio di energia e riducono la sintesi dei grassi.

    Un altro componente importante sfruttato come azione dimagrante è l’acido alginico, mucopolisaccaride che «consente soprattutto di aumentare il senso di sazietà, riducendo l’appetito»(3).
    Farmacista e medico possono valutare e consigliare una posologia consigliata di Fucus, in base alla titolazione in Iodio totale, il quale dovrà essere assunto indicativamente in dosaggio di 800 µg al giorno (4).

    Altre attività del Fucus vesciculosus

    Oltre all’azione stimolante il metabolismo basale, il Fucus sembra possedere altre attività, pur essendo queste supportate da un’evidenza scientifica meno robusta.

    Attività gastro-protettiva e antiulcera: essa è dovuta agli alginati presenti nell’Alga bruna (dal 15 al 45%): questi formano un denso gel viscoso che riveste e protegge la mucosa dello stomaco, riducendone la secrezione acida (5). Ne consegue anche una documentata efficacia nei sintomi da reflusso gastroesofageo.

    Attività antinfiammatoria: tale proprietà è conseguenza dell’azione del fucoidano, polisaccaride presente nella pianta: esso è in grado di svolgere un’azione antinfiammatoria anche in fase acuta (6).

    Attività antiossidante: similmente, alcuni polisaccaridi presentano, da studi effettuati in vitro, un’azione antiossidante (7).

    Attività collagenasica: gli alginati attivano una glicoproteina presente sulla superficie dei fibroblasti e coinvolta nella sintesi del collagene (8). Secondo un recente studio inoltre, un estratto acquoso di Alga bruna all’1% applicato localmente avrebbe dimostrato attività anti-ageing che potrebbe essere sfruttata in numerose formulazioni cosmetiche (9).

    Azione lassativa: la presenza di alginati conferisce all’Alga bruna una leggera azione lassativa.

    Controindicazioni del Fucus vesciculosus

    La sostanza di origine naturale può portare comunque con sé il rischio di effetti avversi o determinate controindicazioni all’assunzione. Queste, normalmente, sono ridotte rispetto al farmaco di sintesi, ma vanno tenute in considerazione. I preparati a base di Alga bruna sono controindicati in caso di ipertiroidismo; essi vanno assunti con cautela anche nei casi di presunta alterata funzionalità della tiroide o durante il trattamento farmacologico con ormoni tiroidei. Si consiglia di non assumere integratori alimentari contenenti Fucus in modo continuativo, ma di effettuare cicli periodici (circa due mesi) intervallati da una breve sospensione del trattamento. Tra i possibili effetti avversi, l‘iperdosaggio può causare tremori, tachicardia e ipertensione arteriosa, con possibili controindicazioni per il paziente cardiopatico.

    Non sono noti studi clinici condotti in donne in gravidanza e durante l’allattamento.

    Prima di assumere un prodotto, sia esso farmaco o integratore, è sempre bene chiedere consiglio al medico o al vostro farmacista. Nella nostra farmacia troverete competenza e professionalità nell’aiutarvi ed indirizzarvi nella scelta più adatta alle vostre esigenze.

    Barbara Tubioli

    NOTE BIBLIOGRAFICHE

    1. ROMARIS-HORTAS, V.; GARCIA-SARTAL, C.; BARCIELA-ALONSO, M.C.; MOREDA-PINEIRO, A.; BERMEJO-BARRERA, P. Characterization of edible seaweed harvested on the Galician coast (northwesterrn Spain) using pattern recognition techniques and major and trace element data. J.Agric.Food Chem. 2010; 58(3):pp. 1986-92.

    2. MORO, C.O. and BASILE, G., 200. Obesity and medicinal plants. Fitoterapia, 71(1), pp. 73-82.

    3. MAFFEIS, G., 2014. Spirulina, fucus e wakame: le tre alghe più preziose. Milano: Riza.

    4. BONCOMPAGNI, E., BIANCHI, E. and GIUA, C., 2011. Guida bibliografica ai più noti fitoterapici. Aboca.

    5. POZHARITSKAYA, O.N., OBLUCHINSKAYA, E.D. and SHIKOV, A.N., 2020. Mechanisms of Bioactivities of Fucoidan from the Brown Seaweed Fucus vesiculosus L. of the Barents Sea. Marine Drugs, 18(5), pp. 275-https://doi.org/10.3390/md18050275.

    6. NAGAOKA, M.; SHIBATA, H.; KIMURA-TAKAGI, I.; HASHIMOTO, S.; AIYAMA, R.; UEYAMA, S.; YOKOKURA, T. Anti-ulcer effects and biological activities of polysaccharides from marine algae. Biofactors. 2000; 12(1-4): pp. 267-74.

    7. ROCHA DE SOUZA, M.C.; MARQUES, C.T.; GUERRA DORE, C.; FERREIRA DA SILVA, F.R.; OLIVEIRA ROCHA, H.A.; LEITE, E.L. Antioxidant activities of sulfated polysaccharides from brown and red seaweeds. J Appl Phycol. 2007; 19(2): pp. 153-160

    8. FUJIMURA, T.; SHIBUYA, Y.; MARIWAKI, S.; TSUKAHARA, K.; KITAHARA, T.; SANO, T., NISHIZAWA, Y.; TAKEMA, Y Fucoidan is the active component of Fucus Vesiculosus that promotes contraction of fibroblast-populated collagen gels. Biol Pharm., 2000; 23(10): pp. 1180-4.

    9. FUJIMURA, T.; SHIBUYA, Y.; MARIWAKI, S.; TSUKAHARA, K.; KITAHARA, T.; SANO, T., NISHIZAWA, Y.; TAKEMA, Y.; Treatment of human skin with an extract of Fucus Vesiculosus changes its thickness and mechanical properties. J Cosmet Sci. 2002 53(1): pp. 1-9.